Panoramica sul mondo Lasermake: una soluzione per ogni esigenza

Lasermake è un’azienda che opera da anni sul mercato italiano commercializzando macchine con tecnologia laser CO2, fibra e UV di qualità a prezzi competitivi.

I plotter CO2 sono macchine con sorgente laser CO2 che possono incidere o tagliare diversi tipi di supporti.
I nostri macchinari partono da un‘area di lavoro di 30 x 50 cm fino ad arrivare a piani di grande formato come i plotter da taglio con area 150 x 300 cm.
Il taglio laser CO2 è una tecnologia molto versatile, infatti con la stessa macchina si possono lavorare diversi materiali: tagliare e incidere su carta, cartone, plexiglass, legno, cuoio, pelle, tessuti, feltro, sughero, gomma per timbri… e incidere vetro, ceramica, cristallo, pietra.

Per quanto riguarda invece le macchine a sorgente Fibra, Lasermake commercializza macchine a taglio fibra che permettono di tagliare materiali metallici come lastre di acciaio, ferro, ottone di diversi millimetri di spessore.

Inoltre, nel nostro parco macchine, sono presenti anche sistemi galvanometrici di piccole e grandi dimensioni: questi marcatori possono avere aree di lavoro più contenute (partono da un’area di 10 x10 cm), così come aree di lavoro più ampie (fino a un massimo di 800 x 800 mm).

Con i sistemi galvanometrici si possono incidere e marcare diversi tipi di materiali a seconda del tipo di sorgente installata. Il loro quid è la velocità di lavorazione che può arrivare a 7000 mm/s.

I marcatori con sorgente CO2 possono marcare o incidere tutti i materiali organici precedentemente elencati per i plotter CO2.

I marcatori con sorgente fibra lavorano invece sui materiali metallici come acciaio, alluminio, ottone, oro, argento… e alcuni tipi di plastiche.
Tra i marcatori abbiamo anche il modello LM-RF-MOPA, un fibra galvanometrico con montata una sorgente MOPA che è in grado di svolgere le stesse lavorazioni del laser fibra con in più la possibilità di realizzare marcature colorate su acciaio e titanio.

I marcatori con sorgente UV vengono utilizzati in applicazioni specifiche in cui è necessario eseguire marcature ad elevato contrasto ma con materiali molto delicati. Il processo di marcatura avviene mediante la luce laser UV a freddo e il calore prodotto dalla marcatura è talmente limitato da non danneggiare il componente. Vengono utilizzati per marcare semiconduttori e materie plastiche come PVC, ABS, polipropilene, ecc.  Tuttavia il loro utilizzo può essere esteso a metalli, carta, vetro, legno ecc.
Data la loro capacità di aggredire poco il materiale vengono spesso utilizzati nel settore farmaceutico per scoraggiare la manomissione e contraffazione, contribuendo a garantire la protezione del marchio e la tracciabilità del prodotto.